Riabilitazione Neurologica

Riabilitazione nel paziente affetto da patologia neurologica.

soluzioni personalizzate

RIABILITAZIONE NEUROLOGICA

Oltre alla cura e al trattamento in ospedale o nel centro di riabilitazione, è molto importante vedere come si comporta ed interagisce il paziente nel mondo esterno, che è vario e complesso nelle sfide poste dalla quotidianità. E' perciò parte della riabilitazione proporre al paziente delle situazioni più diversificate possibili.

"Troppo spesso si valuta il successo del programma riabilitativo in un ambiente estremamente protetto.
"Dato che si tratta di un concetto e non di una tecnica, non esistono regole assolute che possano essere applicate indifferentemente a tutti i pazienti affetti da patologia neurologica: emiplegia, paraplegia. Tutto quello che contribuisce a consentire al paziente di apprendere una nuova abilità o di muoversi in modo più normale può essere senz'altro inserito nel piano di trattamento.
E' stato dimostrato che la riabilitazione è più efficace quando il paziente viene seguito da un fisioterapista anche a domicilio, anziché solo presso un centro riabilitativo che rappresenta un ambiente artificiale, in cui si sente isolato e spersonalizzato.

Per questo motivo il Centro Attiva, su richiesta del paziente, può inviare dei propri terapisti anche a casa della persona interessata per svolgergli le terapie.

Emiplegia

Il trattamento dell'emiplegia non è una serie di esercizi isolati svolti in una sequenza preordinata, ma è una sequenza di attività finalizzate che si susseguono per recuperare certe funzioni. La riabilitazione inizia il giorno dell'ictus e non solo quando il paziente si è ripreso in modo da poter tornare a casa sua.
Non tutti i pazienti emiplegici sono vecchi e fragili, tanti di loro si aspettano dalla riabilitazione qualcosa di più che essere indipendenti a casa o riuscire a camminare per 45 metri lentamente, senza aiuto. E' importante cercare di raggiungere obiettivi molto più elevati per ogni paziente. Anche se il paziente è anziano, l'età non dovrebbe escluderlo da un piano di trattamento attivo e vasto. E' stato approvato che la vecchiaia non è una condizione che impedisce la riabilitazione e il recupero.
Oltre alla cura e al trattamento in ospedale o nel centro di riabilitazione, è molto importante vedere come se la cava il paziente nel mondo esterno, che è così vario e pone molte sfide. E' parte della riabilitazione proporre al paziente delle situazioni più diversificate  possibili.
Troppo spesso si valuta il successo del programma riabilitativo in un ambiente estremamente protetto.
Dato che si tratta di un concetto e non di una tecnica, non esistono regole assolute che possano essere applicate indifferentemente a tutti i pazienti affetti da patologia neurologica: emiplegia, paraplegia. Tutto quello che contribuisce a consentire al paziente di apprendere una nuova abilità o di muoversi in modo più normale può essere senz'altro inserito nel piano di trattamento.
Anche in questo caso è consigliabile svolgere le terapie fisioterapiche sia nel Centro Medico, sia a domicilio del paziente, a suo maggior beneficio.


Occorre capire che il recupero o il miglioramento delle attività dopo un ictus raramente solitamente entro i primi 3-6 mesi. E' stato però appurato il recupero dell'attività e il miglioramento dell'abilità funzionale in pazienti anche a più di 5 anni dall'ictus. Con una terapia ben condotta e con l'esecuzione diligente del programma domiciliare, aumentano molto le possibilità di un recupero successivo.


L'obiettivo nel trattamento del paziente emiplegico deve essere sempre l'autonomia.


attiva centro medico

Centro Medico Attiva

P. IVA: 03493081206
Cookie Policy

Contatti

Centro Medico Attiva S.r.l.
Indirizzo
Via Marzabotto 25, 40065 Rastignano BO
Telefono
051 006 3041
Direttrice Sanitaria: Dott.ssa Monica Bacci
Legale rappresentante: Paolo Fabrizi, Amministratore Unico  
Autorizzazione sanitaria: Prot. 2016/0003305; Pratica SUAP 452/2015 - Pianoro 23/03/2016